18/03/19 at 8:00 am

Palinsesto

21/02/19 at 9:00 am

Musica Senza Retorica

14/02/19 at 2:45 pm

Pensieri in Libertà – Pt.3

20/11/18 at 11:49 am

Indovina chi viene in studio – Video

20/11/18 at 10:10 am

Indovina chi viene in studio

02/10/18 at 1:56 pm

Collabora Con Noi

03/08/18 at 10:00 am

Fatti & Disfatti… continua

03/08/18 at 9:00 am

Hit Parade… in Soffitta

03/08/18 at 8:29 am

Anche i poeti… mangiano

30/06/18 at 11:45 am

A mè me piace ‘o blues – Part. 2

30/06/18 at 11:29 am

A mè me piace ‘o blues

10/04/18 at 5:50 am

The Best

18/03/18 at 1:34 pm

Jesce sole

23/01/18 at 7:39 pm

Canzoni Italiane – Pt.2

23/01/18 at 12:06 pm

France Mon Amour – Pt.2

01/12/17 at 2:21 pm

Pensieri in Libertà – Pt. 2

11/11/17 at 2:39 pm

France Mon Amour – Pt.1

24/10/17 at 6:51 pm

Fatti & Disfatti

12/10/17 at 11:54 am

Canzoni Italiane – Pt.1

07/10/17 at 2:27 pm

Pensieri in Libertà

10/08/17 at 7:35 am

Lost in Time

27/07/17 at 12:28 am

Presentazione Aldo Parisi

15/07/17 at 5:08 pm

Ennio Morricone – The 60 years music tour

01/07/17 at 4:11 pm

Ci siamo quasi.. Presentazione – Video

01/07/17 at 3:32 pm

Permissivismo sociale e liberalismo economico

03/06/17 at 1:17 am

Love Songs

12/05/17 at 9:58 pm

Puri & Duri

09/05/17 at 8:12 pm

Quando i dj avevano… il vinile

26/01/17 at 4:31 pm

CARS

21/12/16 at 1:19 am

Napule’

16/07/16 at 10:00 am

Cover d’autore

13/07/16 at 2:14 pm

Le Vostre Richieste

09/07/16 at 12:55 pm

Un giro in bicicletta

09/07/16 at 12:40 pm

Moonlight Serenade

07/07/16 at 7:11 pm

Gli Originali

05/03/16 at 12:34 pm

Rock Music e l’effetto degli Acidi

05/03/16 at 12:18 pm

L’Europa Morente

Gli Originali

Pubblicato il 7 Luglio 2016 alle 19:11 scritto da
Categorie: La nostra Musica, Te le suoniamo noi
Tags: , ,


Share

«Scende la pioggia», uno dei grandi successi di Gianni Morandi. Ma anche «Tutta mia la città» dell’Equipe 84, «Ragazzo triste» di Patty Pravo e molti altri brani famosi di artisti e gruppi italiani degli Anni Sessanta. In comune hanno un «segreto»: sono versioni italiane di canzoni straniere di successo.
Le case discografiche italiane hanno sfruttato al meglio la situazione. E anche spesso migliorato gli arrangiamenti. Gran parte dei «complessi» (con poche eccezioni come i New Trolls) e diversi cantanti hanno costruito il proprio repertorio (e i piazzamenti nella Hit Parade che conduceva Lelio Luttazzi) anche grazie a «cover» di brani inglesi o americani.

Noi vi proponiamo gli originali ………………..

Lello Palumbo


Smorz’ ‘e lights (Renzo Arbore) – Dr John ( Such a night)

-Malcolm John “Mac” Rebennack, Jr., conosciuto come Dr. John (ma anche come Dr. John Creaux, o Dr. John the Night Tripper) (New Orleans, 21 novembre 1940), è un cantautore, pianista e chitarrista statunitense. In attività come session man già alla fine degli anni 50 è diventato famoso durante gli anni settanta grazie a spettacoli teatrali-musicali itineranti caratterizzati dall’uso di costumi carnevaleschi . La sua musica fonde la tradizione blues, pop e jazz con lo zydeco, il boogie-woogie ed il rock and roll. Nella sua lunga carriera ha ricevuto 5 Grammy Awards e nel 2011 è stato introdotto nella Rock and Roll Hall of Fame. Attivo come session man già dagli anni 50, ha suonato negli album di Rolling Stones, Eric Clapton, Carly Simon, James Taylor e molti altri.

GUARDA


Soli si muore (Camaleonti / Patrick Samson) – Crimson And Clover (Tommy James and the Shondells)

-Tommy James and the Shondells sono stati un gruppo musicale rock statunitense attivo negli anni ’60 e ’70. La band si è formata nel 1959 a Niles, Michigan , prima come gli Echoes, poi sotto il nome di Tom. Il frontman Tommy James è nato in Ohio nel 1947. Tra i loro brani musicali più conosciuti vi sono Hanky Panky, Mony Mony e Crimson and Clover.

GUARDA


A chi (Fausto Leali) – Hurt (Timi Yuro)

-Timi Yuro, nome d’arte di Rosemarie Timotea Aurro (Chicago, 4 agosto 1940 – Las Vegas, 30 marzo 2004), è stata una cantante statunitense di genere pop, soul e R&B. Nata da genitori italiani originari del Molise, si sposta giovanissima con la famiglia a Los Angeles, dove si esibisce qualche volta nel ristorante aperto dai suoi. Sottoscrive un contratto discografico con la Liberty Records ed esordisce con Hurt (1961), ballata in stile R&B lanciata da Roy Hamilton. Il suo stile vocale potente ed emozionale ricorda quello di Dinah Washington, tanto che molti ascoltatori pensarono che Timi fosse una cantante di colore. Hurt arrivò al quarto posto della classifica americana di vendite e fu portata al successo in Italia cinque anni più tardi da Fausto Leali con il titolo A chi?.

GUARDA


Un riparo per noi  (Mat 65) – With A Girl Like You  (The Troggs)

-The Troggs sono stati una gruppo musicale rock britannico formato negli anni sessanta. Il gruppo è celebre per aver pubblicato singoli di successo quali: Wild Thing, With a Girl Like You e Love Is All Around, ognuno dei quali ha venduto oltre 1 milione di copie. The Troggs sono ampiamente visti come una band molto influente il cui suono era fonte di ispirazione per garage rock e punk rock . L’influente critico americano Lester Bangs “ha chiamato la band i progenitori del punk”. Ad esempio, i Troggs influenzato artisti come Iggy pop . I Ramones sono anche tra gruppi punk che ha citato i Troggs come un’influenza. “Io non riesco a controllarmi” è forse il preferito più amato dai critici .

GUARDA


Tutta mia la città (Equipe 84)- Blackberry Way (The Move)

-I Move nacquero nel dicembre del 1965 e suonarono il loro primo concerto agli inizi del 1966. Le intenzioni originali di Burton, Kefford e Wood erano di dar vita ad una band che comprendesse i migliori musicisti di Birmingham, seguendo l’esempio degli Who. The Move sono stati uno dei gruppi rock di punta degli anni sessanta. La formazione finale del gruppo (del 1972) invece trova il trio composto da Wood, Bevan e Jeff Lynn, che avevano formato dalle ceneri dei Move la Electric Light Orchestra. Fino al 2007, Burton e Bevan si sono esibiti sotto il nome di ‘The Move feat. Bev Bevan and Trevor Burton’.
Loro è l’interpretazione di Blackberry Way, (composta musica e parole da Roy Wood) che l’Equipe 84 farà conoscere in Italia con il titolo di Tutta mia la città.

GUARDA


Sognando California (Dik Dik) – California Dreamin’ (Mamas and Papas)

-I The Mamas & the Papas sono stati un gruppo musicale folk rock statunitense attivo tra il 1965 e il 1971, ricordato come uno dei più popolari complessi vocali d’America. Ha al suo attivo cinque album musicali e numerosi singoli, tra i quali Go Where You Wanna Go che è il primo singolo datato 1965 e California Dreamin’, datato anch’esso 1965, uno dei più famosi della band. Il gruppo nacque nel settembre 1965 dall’unione tra John Phillips, la moglie Michelle Gilliam, Cass Elliot – che come John aveva lavorato a New York nel giro del Village – e Denny Doherty , purtroppo tutti deceduti.

GUARDA


Un angelo blu (Equipe 84) – I Can’t Let Maggie Go (Honeybus)

-Gli Honeybus sono stati una pop band inglese attiva tra il 1967 ed il 1973. Assai amati dalla critica britannica, raggiunsero l’apice della popolarità grazie al singolo I Can’t Let Maggie Go, brano composto dal cantante-tastierista Pete Dello che giunse sino al n. 8 delle classifiche inglesi, restando nelle Top 40 per oltre due mesi. In questa fase ottennero anche la copertina della rivista musicale Disc and Music Echo. Il pezzo divenne anche un successo in Italia con il titolo Un angelo blu, cantato dall’Equipe 84. Nel 1969 gli Honeybus incisero anche un brano in italiano, intitolato La cicogna, che non ebbe successo.

GUARDA


I miei giorni felici (Wess/ Santino Rocchetti) – Chapel of dreams (The Dubs)

-I Dubs sono un duo americano vocale formato nel 1956, meglio conosciuto per le loro canzoni”Could This Be Magic”, “Don’t Ask Me To Be Lonely” and “Chapel of Dreams”.

GUARDA


Un ragazzo di strada (Corvi)- I Ain’t No Miracle Worker ( The Brouges)

-I Brogues furono una band originaria di Merced, in California, fondata nel 1964 da Eddie Rodrigues (chitarra), Rick Campbell (organo), Greg Elmore (batteria) e Bill Whittington (basso)[1]. In seguito il gruppo vide l’ingresso del chitarrista Gary Grubb (divenuto poi famoso con i nomi di Gary Cole o Gary Duncan).
La band, che registrò solo sei canzoni nella sua carriera, divenne poi molto nota per il singolo (I Ain’t No) Miracle Worker / Don’t Shoot Me Down. Tale brano, riproposto anche in Italia nella versione tradotta da Nisa ed interpretata dai Corvi con il titolo Un ragazzo di strada, rappresenta un classico del proto-punk e del Garage rock. Nella sua versione italiana il pezzo fu riproposto da artisti come Skiantos, Ivan Cattaneo, Rats, Matia Bazar, Pooh e Vasco Rossi.

GUARDA


Ragazzo triste (Patty Pravo) – But You’re Mine (Sonny&Cher)

-Sonny Bono, all’anagrafe Salvatore Phillip Bono, (Detroit, 16 febbraio 1935 – South Lake Tahoe, 5 gennaio 1998), è stato un cantante e politico statunitense. Cherilyn Sarkisian LaPierre, nota con il nome d’arte di Cher (El Centro, 20 maggio 1946). Sonny & Cher sono stati un duo di cantanti pop, attori e cabarettisti statunitensi , che dal 1964 al 1975 sono stati anche marito e moglie.Nel 1964, durante alcune sessioni di registrazione delle Ronettes, Bono conobbe la giovanissima cantante Cherylin Sarkisian, in arte Cher, con cui iniziò una relazione affettiva e professionale creando il duo “Caesar and Cleo” (Cesare e Cleopatra), in seguito noto semplicemente come Sonny & Cher. Bono scrisse, arrangiò e produsse numerose canzoni di successo come I Got You Babe, Bang Bang (nota in Italia anche nella versione dell’Equipe 84, di Dalida e dei Corvi).

GUARDA


Senza luce (Dik Dik) – A Wither Shade Of Pale (Procol Harum)

-Quando si parla dell’organo Hammond, la mente non può non soffermarsi almeno per qualche istante a una canzone che nel 1967 fece innamorare milioni di ragazzini, vendendo 11 milioni di copie. Gary Brooker, cantante e pianista del gruppo compose quel A Whiter Shade of Pale che costituirà il maggior successo del gruppo. In Italia uno dei primi ad ascoltare il brano è Mogol, che all’epoca lavora presso la Dischi Ricordi e che scrive un testo in italiano (completamente diversodall’originale di Reid) per i Dik Dik con il titolo Senza luce: il disco viene pubblicato il 20 agosto e va subito al primo posto in classifica, restando complessivamente in hit parade per diciassette settimane.
Anche la versione originale dei Procol Harum (in Italia pubblicata dopo quella dei Dik Dik) raggiungerà il primo posto nella classifica italiana (rimanendovi dal 18 ottobre al 6 dicembre), restando complessivamente ventun settimane in hit parade, caso quasi unico per una canzone di cui era già uscita la cover. Le vendite in Italia saranno così elevate che Gary Brooker invierà una lettera ai Dik Dik ringraziandoli per le royalties che gli arrivavano come diritti d’autore dalla Siae.

GUARDA


L’ora dell’amore (Camaleonti) – Homburg (Procol Harum)

-I Procol Harum sono un gruppo rock progressivo britannico, tra i primissimi esponenti di tale corrente musicale negli anni sessanta: vengono considerati “uno dei gruppi più influenti nella storia del rock” e “i profeti del suono orchestrale”. Nel 1962 il tastierista diciassettenne Gary Brooker è il leader di un gruppo di rhythm ‘n’ blues, i Paramounts, accompagnano in tour Chris Andrews e Sandie Shaw: alla fine dello stesso anno però, sia per lo scarso successo dei loro 45 giri, sia per il desiderio di sperimentare strade nuove, Brooker decide di sciogliere il gruppo.
Dopo il fulmineo successo di A Whiter Shade of Pale, i Procol Harum dopo l’estate incidono un altro 45 giri che ottiene altrettanto successo, Homburg: anche questo brano viene inciso in italiano (con il titolo L’ora dell’amore e il testo scritto da Daniele Pace) dai Camaleonti, e arriva al primo posto in classifica (dal 26 gennaio al 2 febbraio), restando complessivamente in hit parade per undici settimane; la versione dei Procol Harum vi rimane invece per otto settimane, non andando oltre il settimo posto. Sempre col testo di Pace la canzone viene incisa, sempre nel 1967, anche da Ricky Gianco.

GUARDA


Gli occhi verdi dell’amore (Profeti) – Angel Of The Morning (P.P.Arnold )

-Patricia Ann Cole, conosciuta professionalmente come PP Arnold (nata 3 ottobre 1946 [1] ), è una cantante americana soul americano di notevole successo nel Regno Unito dal 1960 in poi. Conta prestigiose e numerose collaborazioni come corista con Rod Stewart sul singolo “Come Home Baby” (prodotto da Mick Jagger), oltre a contribuire in molte sessioni per molte registrazioni di rilievo del Regno Unito e degli Stati Uniti, tra cui, nel 1970, l’originale dell’album del musical rock “Jesus Christ Superstar” oltre alle numerose collaborazioni con Nick Drake ‘s “Poor Boy”, Dr John , Graham Nash , Gary Wright , Manassas , Nektar , Jimmy Witherspoon , Nils Lofgren e Eric Burdon .

GUARDA


Ho perduto il mio amore (Nomadi) – Nights In White Satin (Moody Blues)

-I Moody Blues hanno origine a Birmingham, Inghilterra, nei primi anni sessanta. A quel tempo Ray Thomas, John Lodge, e Michael Pinder erano membri del gruppo El Riot & the Rebels, una band molto popolare a livello regionale. Pongono le loro radici nel rhythm and blues, per poi giungere al rock psichedelico e a quello progressivo, grazie al sound caratterizzato anche dall’uso del mellotron. Fu questo il loro marchio di fabbrica, nel periodo aureo, dal 1967 al 1974. Rispetto ad altri gruppi definiti progressivi, i Moody Blues prediligono però la forma “canzone”, con melodie ad ampio respiro. Esempio calzante è il loro più grande successo, Nights in White Satin del 1967. Tutt’oggi è una delle rock band più longeve della storia, con quasi 50 anni di attività live, e 70 milioni di dischi venduti.

GUARDA


Qui e là (Patty Pravo) – Holy cow (Lee Dorsey)

-Irving Lee Dorsey (24 dicembre 1924 – 1 dicembre 1986) [1] è stato un cantante pop -africana e R & B nel corso del 1960. I suoi più grandi successi sono stati ” Ya Ya ” (1961) e ” Lavorare in miniera di carbone ” (1966). Molto del suo lavoro è stato prodotto da Allen Toussaint con strumentale supporto fornito dai Meters.

GUARDA


Cuore (Rita Pavone) –Heart (Wayne Newton)

-Timi Yuro, nome d’arte di Rosemarie Timotea Aurro (Chicago, 4 agosto 1940 – Las Vegas, 30 marzo 2004), è stata una cantante statunitense di genere pop, soul e R&B. Nata da genitori italiani originari del Molise, si sposta giovanissima con la famiglia a Los Angeles, dove si esibisce qualche volta nel ristorante aperto dai suoi. Sottoscrive un contratto discografico con la Liberty Records ed esordisce con Hurt (1961), ballata in stile R&B lanciata da Roy Hamilton. Il suo stile vocale potente ed emozionale ricorda quello di Dinah Washington, tanto che molti ascoltatori pensarono che Timi fosse una cantante di colore. Hurt arrivò al quarto posto della classifica americana di vendite e fu portata al successo in Italia cinque anni più tardi da Fausto Leali con il titolo A chi?.

GUARDA


Albergo a ore (Herbert Pagani) –  Les Amants D’ Un Jour (Edith  Piaf)

-Édith Piaf, pseudonimo di Édith Giovanna Gassion (Parigi, 19 dicembre 1915 – Grasse, 10 ottobre 1963). È stata una grande interprete del filone realista (chanteuse réaliste). Definita come “l’ugola insanguinata” di un passerotto, la sua voce, caratterizzata da mille sfumature, era in grado di passare improvvisamente da toni aspri e aggressivi a toni dolcissimi; inoltre sapeva far percepire in modo unico la gioia con il suono della sua voce. È la cantante che con le sue canzoni ha anticipato il senso di ribellione tipico dell’inquietudine che contraddistinse diversi intellettuali della rive gauche del tempo come: Juliette Greco, Roger Vadim, Boris Vian, Albert Camus ecc.

GUARDA


Una città per cantare (Ron)The road ( Danny O’Keefe)

-The Road è una canzone scritta, sia per il testo che per la musica, dal cantautore statunitense Danny O’ Keefe, e da lui incisa nel 1972 ed inclusa nel suo album O’ Keefe.Lucio Dalla tradusse la canzone in italiano, intitolandola Una città per cantare: venne incisa nel 1980 da Ron in una versione in cui, nella terza strofa, cantavano anche lo stesso Dalla e Francesco De Gregori, ed inclusa nell’omonimo album del cantautore. Il testo italiano riprende in maniera abbastanza letterale l’originale, tranne qualche piccola modifica: ad esempio il verso Coffee in the morning, cocaine in the afternoon viene tradotto da Dalla caffè alla mattina, puoi fumarti il pomeriggio. Ron ha raccontato che la traduzione fu apprezzata dalla stesso Jackson Browne che la trovò migliore dell’originale.

GUARDA


Alta marea (Antonello Venditti) – Don’t Dream It’s Over ( Crowded House)

-I Crowded House sono un gruppo musicale rock, formatosi a Melbourne, Australia e guidati dal cantante, musicista e compositore neozelandese Neil Finn, riconosciuto come principale artefice del successo del gruppo. Il gruppo è stato attivo dal 1985 al 1996, periodo nel quale furono pubblicati alcuni dei singoli di maggior successo della loro carriera come Don’t Dream It’s Over, Something So Strong, Better Be Home Soon, Fall At Your Feet e Weather With You. Nel 2007, il gruppo si è riformato con un nuovo batterista. In questa nuova fase della loro carriera, i Crowded House hanno pubblicato l’album “Time on Earth”, che ha raggiunto la prima posizione nella classifica australiana.

GUARDA


Bang Bang (Equipe 84) – Bang Bang (Sonny&Cher)

-Cherilyn Sarkisian LaPierre, nota con il nome d’arte di Cher (El Centro, 20 maggio 1946). Con oltre cinquant’anni di carriera, Cher è diventata un’icona della cultura pop e una delle artiste più famose e di successo della storia contemporanea, con oltre 100 milioni di dischi venduti nel mondo. Cher arriva per la prima volta in Italia, insieme a Sonny, nel settembre del 1966, dove assiste ad un’udienza di Papa Paolo VI. Il duo tornerà in Italia l’anno successivo, a gennaio, per partecipare al Festival di Sanremo.Nello stesso anno, Sonny & Cher registrano svariate canzoni in versione italiana; Cher sperimenta la lingua italiana proponendo le nuove versioni di canzoni come “Mama (When My Dollies Have Babies)” (“Mama”) e “You Better Sit Down Kids” (“Bambini Miei”), entrambe hits in America, pubblicando i singoli e alcuni album in esclusiva per l’Italia.

GUARDA


Eccola di nuovo  (Rokes) -Here comes my baby (Cat Stevens)

-Yusuf Islam, nato Steven Demetre Georgiou e a lungo conosciuto con il suo nome d’arte Cat Stevens (Londra, 21 luglio 1948). All’inizio della sua carriera musicale, Georgiou adotta il nome “Cat Stevens” dopo che un’amica gli fa notare che i suoi sembrano gli occhi di un gatto. Siamo in pieno periodo Swinging London, e Stevens incarna in pieno lo stereotipo del cantante pop commerciale dell’epoca, un’immagine dalla quale egli si distanzierà notevolmente negli anni a seguire. Lo stile musicale che ne esce fuori contraddistinguerà Cat Stevens per tutta la sua carriera: chitarre acustiche in primo piano, sonorità delicate, richiami alla tradizione greca, testi a metà strada tra la canzone d’amore ed il misticismo, il tutto condito dalla calda vocalità dello stesso Stevens.

GUARDA


Ma che colpa abbiamo noi (Rokes) – Cheryl’s Going Home (Bob Lind)

-Bob Lind (nato Robert Neale Lind, 25 novembre 1942 a Baltimora, Maryland , Stati Uniti) è un americano autore e cantautore di musica popolare, che ha contribuito a definire il 1960 il folk rock come movimento in America e in Inghilterra. Lind è meglio conosciuto per il suo disco di successo , ” Elusive farfalla “, che ha raggiunto il numero 5 su entrambi gli Stati Uniti e del Regno Unito classifiche nel 1966. Molti musicisti hanno registrato canzoni di Lind, che continua a scrivere,registrare ed eseguire.

GUARDA


E’ la pioggia che va (Rokes) – Remember The Rain (Bob Lind)

-Bob Lind (nato Robert Neale Lind, 25 novembre 1942 a Baltimora, Maryland , Stati Uniti) è un americano autore e cantautore di musica popolare, che ha contribuito a definire il 1960 il folk rock come movimento in America e in Inghilterra. Lind è meglio conosciuto per il suo disco di successo , ” Elusive farfalla “, che ha raggiunto il numero 5 su entrambi gli Stati Uniti e del Regno Unito classifiche nel 1966. Molti musicisti hanno registrato canzoni di Lind, che continua a scrivere,registrare ed eseguire.

GUARDA


Ho in mente te (Equipe 84)- You Were On My Mind (Barry McGuire)

-Barry Eugene McGuire (Oklahoma City, 15 ottobre 1935) è un cantautore statunitense. “You Were on My Mind” è una canzone popolare scritta da Sylvia Fricker nel 1962. E ‘stato scritto in una vasca da bagno in una suite all’Hotel Earle nel Greenwich Village. Ha scritto in bagno perché “era l’unico posto … gli scarafaggi non sarebbero andati”.

GUARDA


 

Share