18/03/19 at 8:00 am

Palinsesto

21/02/19 at 9:00 am

Musica Senza Retorica

14/02/19 at 2:45 pm

Pensieri in Libertà – Pt.3

20/11/18 at 11:49 am

Indovina chi viene in studio – Video

20/11/18 at 10:10 am

Indovina chi viene in studio

02/10/18 at 1:56 pm

Collabora Con Noi

03/08/18 at 10:00 am

Fatti & Disfatti… continua

03/08/18 at 9:00 am

Hit Parade… in Soffitta

03/08/18 at 8:29 am

Anche i poeti… mangiano

30/06/18 at 11:45 am

A mè me piace ‘o blues – Part. 2

30/06/18 at 11:29 am

A mè me piace ‘o blues

10/04/18 at 5:50 am

The Best

18/03/18 at 1:34 pm

Jesce sole

23/01/18 at 7:39 pm

Canzoni Italiane – Pt.2

23/01/18 at 12:06 pm

France Mon Amour – Pt.2

01/12/17 at 2:21 pm

Pensieri in Libertà – Pt. 2

11/11/17 at 2:39 pm

France Mon Amour – Pt.1

24/10/17 at 6:51 pm

Fatti & Disfatti

12/10/17 at 11:54 am

Canzoni Italiane – Pt.1

07/10/17 at 2:27 pm

Pensieri in Libertà

10/08/17 at 7:35 am

Lost in Time

27/07/17 at 12:28 am

Presentazione Aldo Parisi

15/07/17 at 5:08 pm

Ennio Morricone – The 60 years music tour

01/07/17 at 4:11 pm

Ci siamo quasi.. Presentazione – Video

01/07/17 at 3:32 pm

Permissivismo sociale e liberalismo economico

03/06/17 at 1:17 am

Love Songs

12/05/17 at 9:58 pm

Puri & Duri

09/05/17 at 8:12 pm

Quando i dj avevano… il vinile

26/01/17 at 4:31 pm

CARS

21/12/16 at 1:19 am

Napule’

16/07/16 at 10:00 am

Cover d’autore

13/07/16 at 2:14 pm

Le Vostre Richieste

09/07/16 at 12:55 pm

Un giro in bicicletta

09/07/16 at 12:40 pm

Moonlight Serenade

07/07/16 at 7:11 pm

Gli Originali

05/03/16 at 12:34 pm

Rock Music e l’effetto degli Acidi

05/03/16 at 12:18 pm

L’Europa Morente

L’Europa Morente

Pubblicato il 5 Marzo 2016 alle 12:18 scritto da
Categorie: Articoli
Tags: , ,


Share

“Nell’anno 376 d.c. gruppi di Goti, sotto la spinta degli Unni, chiesero all’imperatore d’Oriente Valente il permesso di oltrepassare il Danubio.
Valente nonostante le perplessità, accettò la richiesta, allettato dalla prospettiva di nuove braccia per coltivare le terre incolte e nuovi guerrieri per infoltire le file dell’esercito Romano.
Il Sovrano, secondo alcune fonti antiche, pose quali condizioni la conversione dei Goti al Cristianesimo, il disarmo dei guerrieri e la consegna dei bambini come ostaggi.
I Goti avrebbero avuto in cambio terre da coltivare e sussidi dall’Impero, tuttavia la gran confusione in cui si svolsero le operazioni impedì il conteggio dei Goti, il cui numero era stato probabilmente sottostimato…”
Sono le prime sei righe di Wikipedia che descrive la battaglia di Adrianopoli (378 d.c.), l’inizio della fine.
La fine dell’Impero Romano, le civiltà, le basi del Medioevo incombente.
Non ci vuole molto a sostituire gli immigrati ai Goti ed eliminato il punto relativo ai bambini dati in ostaggio correlare questa situazione a quella che in questo momento sta vivendo l’Europa oramai priva di riferimenti ideologici, politici e culturali.
Vi è da aggiungere che taluni pensatori romani erano favorevoli a politiche di “appesament” basate sui sistemi della “hospitalitas” e della “foederatio” in quanto ritenevano che un’integrazione con i barbari avrebbe risollevato le sorti dell’Impero,
Impero sicuramente in crisi per una sequela di motivi.
La grandissima corruzione che imperava in tutti gli apparati dello Stato.
La perdita dei valori guida della sua fondazione , la rigidità del controllo dell’interesse dello Stato sui singoli, l’immoralità imperante con il degenerare dei costumi e delle abitudini, l’idea rivolta al piacere senza sacrificio e non ultima la crisi demografica.
In effetti considerata l’alta mortalità delle donne ancora, durante il parto, o semplicemente perché rifiutavano un naturale decadimento del corpo, queste si rifiutavano di procreare.
Chi non vede similitudini con la nostra attuale condizione o è cieco o è stupido.
L’immissione di soggetti culturalmente e ideologicamente diversi, in dosi massicce, non controllate, ribalta gli equilibri sociali, modifica la cultura, il modo di vivere.
Questo assunto è incontestabile.
Come chiedeva l’Imperatore Valente pretendiamo che costoro si adeguino al nostro modo di vivere, alla nostra cultura, alle nostre normative.
Quali sono allora queste linee guida cui vogliamo che gli immigrati si adeguino?
Famiglie composte da soggetti dello stesso sesso: adozione di cani, gatti e pappagalli anziché bambini?? Cure per questi animali al posto di esseri umani?? Il rifiuto di riprodursi in cambio di una vita di piaceri?? L’affermarsi di culture che pretendono di trasformare l’essere umano in una specie erbivora?? Ecc.. ecc..
Bene mettetevi nei panni di un immigrato il quale non ha una cultura sofisticata ma poche certezze e queste riguardano l’organizzazione della famiglia, il rapporto con gli altri, inteso anche come donne, l’educazione dei figli, il cibo.
La sua cultura è radicata, è millenaria non ha strumenti culturali per metterla in discussione, non ha alcuna intenzione di modificare, dato importante, la cultura dei suoi figli in quanto ritiene, non a torto, quella occidentale decadente, ed allora??

Chi dovrà integrarsi a chi?? Che prospettive vi sono di omogeneizzazione??
A mio avviso nessuna.

Come sempre è accaduto nella vita degli uomini nello scontro di due culture, una prevale sull’altra.
Nel 378 vinsero i Goti, ed oggi??

Diomede Gersone
Share